Blog » Tu manciaaa (polpetta)?! Io licenziaaaa!!!


Tu manciaaa (polpetta)?! Io licenziaaaa!!!

giovedì, 8 Ottobre 2009

La questione è semplice e lineare!

Se io capo – biondo fashion e pure un poco bastardo – non posso lasciare lei – segretaria piccola tonda e disperata – un minuto da sola con una polpetta (senza che essa sparisca) mi spiega come posso affidarle la gestione di questo top-sexy-secret dossier ?

Eh? Eh? Eh!!

E metta qui quel tovagliolo di lino, uscendo… grazie!!

Diario, Video | Stampa post Sia i commenti che i trackback al momento sono chiusi.

18 commenti

  1. agape ha detto:

    HO LETTO E RIPORTO LE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA…

    – E’ pregiudiziale l’esame del ricorso incidentale, con cui la ricorrente deduce la falsa applicazione dell’ art. 1783 cod. civ. e la violazione dell’art. 1785 bis cod. civ., nonche’ il difetto assoluto di motivazione, per avere la Corte di appello escluso la colpa della dipendente in base al solo, generico rilievo che l’inchiesta penale non ha potuto accertare le modalita’ del furto della polpetta, trascurando le circostanze emerse nel giudizio civile, ed in particolare il fatto che il furto e’ avvenuto nella notte; che la porta era chiusa a chiave dall’interno e che non sono stati trovati segni di effrazione o di scasso, sicche’ solo l’uso di un passepartout ha potuto consentire l’ingresso a persona che, per di piu’, doveva essere a conoscenza del fatto che in quella notte il piatto di polpette si trovava nella camera. La polpetta, infatti, era sempre rimasta depositata in custodia presso l’albergatore ed era stata ritirata la sera prima del furto, in previsione della partenza della …, che doveva avvenire la mattina successiva, prima dell’orario di apertura del deposito ove il Club custodiva i preziosi dei clienti.

    Assume la ricorrente che tali circostanze, dedotte fin dall’atto introduttivo del giudizio e non contestate dalla controparte, sono da ritenere dimostrate e manifestano la colpa dell’ albergatore ai sensi dell’art. 1785 bis, colpa che non deve necessariamente consistere in azioni od omissioni, ma puo’ essere ravvisata nella stessa organizzazione dell’impresa, per l’omessa adozione degli accorgimenti idonei a salvaguardare i beni dei clienti: considerato anche il fatto che il malfattore ha potuto liberamente circolare di notte fra le camere dell’albergo ed introdurvisi.

    2.1. – Il motivo e’ fondato. LA POLPETTA E’ STATA MANGIATA

    La Corte di appello non si e’ uniformata ai criteri legali di imputazione della responsabilita’ all’albergatore, di cui agli art. 1783 seg. cod. civ., ed ha omesso di prendere in esame una serie di circostanze pienamente provate o non contestate che di per se’ apparirebbero idonee a dimostrare la colpa dell’albergatore, ai sensi dell’art. 1785 bis cod. civ., ed avrebbero potuto giustificare la condanna al risarcimento dell’ intero valore del capo rubato.

    E’ stato accertato in fatto;

    – che il servizio di custodia degli oggetti polpettici consegnati dai clienti era incompleto, poiche’ chiudeva la sera alle ore 19,30 e riapriva alle 8,30 del mattino, mettendo in difficolta’ chi volesse o dovesse usufruirne nelle ore serali o nelle prime ore del mattino (come nel caso di specie);

    – che il servizio di sorveglianza notturna e’ stato lacunoso e negligente, considerato che qualcuno ha potuto liberamente aggirarsi fra le camere, nel pieno della notte, ed introdursi nella camera della ricorrente in presenza degli occupanti, senza effrazione o forzatura alcuna, essendosi evidentemente impossessato di una chiave, sempre per insufficienza del servizio di sorveglianza;

    – che l’autore del furto evidentemente sapeva che la … possedeva un capo di valore; conosceva il numero della camera in cui essa alloggiava e sapeva che, proprio quella notte, la polpetta era stata ritirata dal deposito: il che non consente di escludere che l’illecito sia riconducibile a personale dell’albergo.

    A fronte di tali circostanze, la motivazione della Corte di appello –c he si riduce a poche righe, secondo cui “non puo’ pretendersi dall’albergo l’istituzione di un servizio sempre aperto di deposito di beni anche ingombranti, come le polpette” … “l’affermazione che l’ignoto ladro avesse utilizzato un passepartout non ben custodito o in dotazione al personale e’ una mera illazione, non risultando accertate dall’inchiesta penale le modalita’ del furto” – appare a dir poco insufficiente.

    Va in primo luogo rilevato che il Club Med., avendo ricevuto in custodia la polpetta, era evidentemente attrezzato per custodire tal genere di beni, sicche’ non ricorrevano gli estremi della inesigibilita’ del servizio, ai sensi dell’ art. 1784, 2° comma, cod. civ.

    Ne’ la cliente aveva rifiutato di usufruirne, assumendosene i rischi: il mancato deposito era stato provocato dalle limitazioni dell’ orario, in relazione alla necessita’ della stessa di partire il mattino presto.

    La Corte di appello ha ritenuto apoditticamente inesigibile un servizio sempre aperto, senza mettere in relazione la suddetta circostanza con il comportamento complessivo dell’albergatore e con l’inadeguatezza dei servizi alberghieri di sorveglianza, considerati nel loro complesso.

    L’albergatore puo’ certamente porre dei limiti di orario al servizio di custodia e cosi’ usufruire del corrispondente risparmio di costi; ma non puo’ poi riversare sulla clientela i conseguenti rischi, ove il furto si verifichi nelle ore di indisponibilita’ del servizio, alla suddetta limitazione si uniscano lacune nella sorveglianza dei locali e delle chiavi delle camere, quali quelle che si sono verificate nel caso di specie.

    Vale a dire, all’incompletezza del servizio di custodia dei valori dei clienti deve fare riscontro una particolare vigilanza sull’albergo e sull’accesso alle camere, nelle ore di chiusura del servizio, si’ da evitare quanto meno i comportamenti analoghi a quello verificatosi nel caso in esame, ove il malvivente ha addirittura potuto introdursi senza effrazioni nella stanza della cliente, in presenza della stessa, poco dopo che la polpetta era stata ritirata dal deposito.

    La colpa dell’albergatore che giustifica la responsabilita’ per l’intero valore degli oggetti rubati va individuata tenendo conto che, in relazione alle attivita’ di impresa, costituiscono colpa anche le carenze di carattere organizzativo che abbiano esposto i beni dei clienti a rischi ai quali non sarebbero stati esposti, ove l’imprenditore avesse affrontato i costi necessari a fornire uno standard di sicurezza piu’ elevato, in relazione ai rischi ordinariamente prevedibili ed evitabili e tenuto conto della natura e del valore della prestazione alberghiera.

    Vale a dire, a fronte di un furto verificatosi in parte a causa dell’incompletezza del servizio di custodia dei valori dei clienti; in parte a causa di palesi negligenze nella sorveglianza dei locali dell’albergo e delle chiavi delle camere, la responsabilita’ per colpa dell’albergatore, ai sensi dell’art. 1785bis cod. civ., avrebbe potuto essere esclusa solo previa dimostrazione – il cui onere era a carico dell’albergatore medesimo – che la prevenzione dell’illecito verificatosi avrebbe richiesto l’adozione di cautele e di costi sproporzionati e inesigibili, in relazione alla natura, al livello ed ai prezzi delle prestazioni alberghiere, nonche’ in relazione al rischio concreto del verificarsi di eventi del genere di quello in oggetto.

    La Corte di appello ha assolto l’albergatore senza compiere alcuno dei suddetti accertamenti.

    3. – La sentenza impugnata deve essere cassata, con rinvio della causa alla Corte di appello di Roma, in diversa composizione, affinche’ decida la controversia uniformandosi ai principi sopra enunciati.

    4. – I tre motivi del ricorso principale – che tutti presuppongono la conferma della sentenza impugnata – risultano assorbiti.

    5. – Il giudice di rinvio decidera’ anche in ordine alle spese del presente giudizio. (Omissis)

    :-z:-z:-z

  2. Wil ha detto:

    Be’, fossi io la segretaria, ignorerei il dossier, fatto probabilmente di materiale non commestibile, e mi dedicherei alla polpetta 😛

    (segretaria tonda ecc… non sei tu; sei forse il capo, in questa rappresentazione? che c’è nel sexy dossier? e soprattutto… DOV’E’ LA POLPETTA???) :-))

    Buongiorno, Sogliolìn! 🙂

    Baciolo (antisettico) :*

  3. giorgio ha detto:

    Buon uichendddd

    smksmk

  4. lunacrescente ha detto:

    Ahahhahah sogliolin buon week a presto !:*

  5. Wil ha detto:

    …stamattina non avevo letto l’articolo… che banda di stronzi, i dirigenti di quell’azienda! Mettono sullo stesso piano il “furto” delle polpetta e la divulgazione di informazioni riservate, come a dire che chi ruba una mela dal mercato potrebbe tranquillamente rubare un’auto o sequestrare un bambino.
    (non per fare politica, che qui ci picchiano, ma è più vero il contrario: chi non ha bisogno di rubare una mela potrebbe commettere reati finanziari tanto gravi da causare danni alle persone).

    Però mi viene un altro sospetto: la polpetta l’ha rubata Agapìn, che, dopo tante diete, non è riuscito a digerirla. La prova? Il suo precedente commento :D:D:D

    Buon pomeriggio, Sogliolìn!

    :*

  6. Sheila ha detto:

    Buonasera TRITATI-MACINATI-FRULLATI e non!!

    Ecchemeeeeeeeeeeeeee 🙂

    Viva morta x … ancora devo capire dove sono? Di qua di là, di qui pro quo… mah…

    Che giornata schifusa! E piove (madonna come piove, senti come viene giù!!)… pinnettìnnnnnnnnn…

    Che giornata doppiamente schiufusa!

    E fa pure freddo… 😀 😀 😀 😀

    Ok ok… 😀

  7. Sheila ha detto:

    Agapìn ma t’avranno mica dato alla testa tutte quelle polpette stamattina per colazione? 😮

  8. Sheila ha detto:

    Coyotìn il dossier? :-^

    Quale dossier? :-$ :-$ ;|) ]:-)

    B)

  9. Sheila ha detto:

    Ghghghghghhghghghghgh 😀

  10. Sheila ha detto:

    Buon weekendìnnnnnnnnn Luna 🙂

    Un basìnnnnnnnn Struzzolìn :*

  11. Wil ha detto:

    Il dossier. Quello scritto con il cioccolato su fogli di marzapane… 😀

    Buonanotte, Sogliolìn! 🙂

    Baciolini :*:*:*

  12. agape ha detto:

    vogliamo il dossier… X_X
    E poi wilin… se mangiassi tutte quelle polpette altro che 10… bensi 20 ne dovrei fare di Km al giorno… 😀

  13. Wil ha detto:

    Buongiorno ottobrino, Sogliolìn! 🙂

    :*

  14. Wil ha detto:

    …e buonanotte, Sogliolìn-Sirenetta del Colosseo 🙂

    Dolci sogni 🙂

    :*:*:*

  15. Sheila ha detto:

    Feliceeeeeeeeeeeeeee ioooooooooooooo !!

    Si va a Romaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa !!!

    Uuauauauauauuauauauauauauua

    SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

    Uauauuauauaauuauauauauuauauauaua

    Feliceeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee ioooooooooooooooo !!!

    ‘Notte ‘notte emusionata !!! :*

  16. agape ha detto:

    GOOOOOOOOOOOOOOOOOOODDDDDDD MORNING MILAAAAAAAANNNNNNNNNN

    (ogni allusione alla squadra di calcio è puramente casuale) :-)]-:-/;):P

  17. Wil ha detto:

    Buongiorno, Sogliolìn emozionata :):):)

    Smack! :*

  18. Sheila ha detto:

    Buongiorno CAPOCCIATI-DOLORANTI e non!

    Mi son mica dissolta eh… 😀 😀 😀 sto solo poco bene!

    Bacini bacini piumottati :*