Blog » Febbraio 2006


Compatibilità

sabato, 18 Febbraio 2006 - ore 21:52

Ok dizionario Garzanti della lingua italiana, definizione di “universale“…

“che concerne tutte le persone o le cose cui ci si riferisce”

allora ditemi voi come mai questo telecomando non funziona con il mio lettore dvd?

Le istruzioni…

sì perché anche i telecomandi hanno un loro manuale d’uso in dieci lingue, sapete 🙂

…indicano ai meno esperti, o imbranati che dir si voglia, come configurare l’apparecchio automaticamente.

Ebbene ho dedotto che la sotto-sotto marca del mio lettore non emette nessun segnale, onde per cui il telecomando non funzionerà mai.

Disperazione!

E adesso?

Mannaggia, mannaggia.

Beh sì, un tempo avevo un telecomando…ma è morto…una brutta caduta, lesioni interne…non c’è stato nulla da fare…

Voi capite, è un problema molto serio.

Se non trovo un rimedio alla svelta sarò costretta ad alzarmi ogni momento…

Bel guaio, Liz Bestic non ha ancora scritto l’utile manuale dei rimedi domestici della nonna.

E’ tempo che si metta al lavoro… 😉

Diario | Commenti (2)

Un pizzico di porporina…

venerdì, 17 Febbraio 2006 - ore 20:54

Oggi sono incontenibilmente irritata, adirata, stizzita, arrabbiata, infastidita.

Di conseguenza sono nervosa, affamata, irrequieta, indomabile, dispotica.

Bene sono viva.

Ottimo inizio di serata… /:-)

Diario | Commenti chiusi

Amori

martedì, 14 Febbraio 2006 - ore 19:43

Principessa

Un bacio rubato,

leggero

come volo di farfalla

ma scivolato nell’anima

è ora parte di me.

(Graziella Marchesi Criscuoli, poesie)

Feste/ricorrenze | Commenti chiusi

Abissi

lunedì, 13 Febbraio 2006 - ore 19:53

All’insaziabile anima tua vorrei poter raccontare il profumo del tempo.

Un raggio di sole attraversa il tuo sguardo, mentre dita curiose scorrono leggere tra vecchie fotografie.

Seduta sul pavimento di legno ti osservo.

Mi distrae l’esile suono di una penna che cade a terra.

Rotola accanto a te.

Non la guardi. Non la raccogli.

Il tuo volto pensoso rovista ansiosamente tra i miei scatti. Gelida frenesia che usurpa ingenuamente l’intimità di quei tratti perduti.

Fra le tue dita scorrono impassibilmente i miei anni.

Stagioni, volti e sorrisi che parlan di me.

Ma non puoi sentire, non puoi vedere.

Nulla domanda il tuo cuore.

Apro la finestra.

Respiro profondamente.

Mi coccola il freddo inverno.

Ti guardo, e amaramente riprendo i pastelli della mia memoria.

A te non lascio che queste immagini in bianco e nero…

Kaleidoscope | Commenti chiusi

Evasioni

domenica, 12 Febbraio 2006 - ore 11:25

Prigioniero dei miei occhi implora ammenda.

Soffocato suffragio.

Fuggi lontano, ricordo.

Kaleidoscope | Commenti chiusi