Blog » September, 2008


E i carciofi?

Monday, 29 September 2008 - ore 21:44

… due salti dalla padella alla brace!

Ché arrivati alla milionesima puntata de “Le tagliatelle di Nonna Pina” noi s’è imparato tutte le furberie, via!

E ci si perde mica col carciofo arrosto più… superato il merluzzo non ci ferma più nessuno…

Un tempo certo si godeva del titolo di “casalinga emancipata” solo se s’era in grado eeeeeee di utilizzare lo scopino elettrico senza leggere nemmeno una volta il manuale d’uso… eeeeeee di presentarsi a cena – dopo aver pulito di lì e aver pulito di là – avvolte nel cellofan, sexy e fresche come le rose!

Ma oggi il mondo è cambiato. La casalinga ha detto basta al budino ipercalorico, ha detto basta all’aspirapolvere turbo-diesel, ha detto no alle ali di pollo schifose… la casalinga è tecnologica e mangia sano!

Tè e pasticcini? Démodé! Meglio i party virtuali (…ché il lamponato previene la comparsa delle vene varicose, lo sanno tutti!).

La soglio-casalinga è dedita ai piaceri della vita. Per questa ragione non tarderà a scoprire l’e-commerce e tutti i modelli di borsette peluchate del cyber spazio.

Ama i social network e le nobili cause… dall’adozione delle lumache a distanza alle foto sexy… perché tutto fa brodo per “la pace nel mondo”…

😉

Diario | Commenti (94)

Pit Stop

Sunday, 28 September 2008 - ore 17:12

Train

Camminino incespicando,

incontri sulla via

addii

e poi si arriva soli.

(Graziella Marchesi Criscuoli, poesie)

Poesie | Commenti (17)

Let the waves of inspiration!

Wednesday, 24 September 2008 - ore 21:23

Vado…

Diario | Commenti (83)

E ci avrò la mente a puzzle!!

Monday, 22 September 2008 - ore 21:05

Sogliolìn: “Coyotìn, mi sa che sono un po’ felice!”

Coyotìn: “Sei un po’ felice? Io lo sono con te!”

“Ecco i fatti: con la mamma siamo entrate in una boutique di lingerie. Lingerie è già un’espressione interessante. Come la si può chiamare altrimenti? Biancheria?! Beh, di fatto lingerie significa biancheria sexy: lì non si trovano certo i vecchi mutandoni di cotone della nonna”.
(pag. 209)

“Ricordo tutta quella pioggia… Il rumore naturale dell’acqua martellante sul tetto, i sentieri inondati, il mare di fango alle porte della fattoria, il cielo nero, il vento, la sensazione atroce di un’umidità infinita, pesante quanto la nostra vita: senza consapevolezza né possibilità di rivolta.”
(pag. 280)

“Nel nostro universo la vita umana è vissuta così: occorre ricostruire continuamente la propria identità di adulti, un fragilissimo assemblaggio sbilenco ed effimero che maschera la disperazione e racconta a sé stesso, davanti allo specchio, la menzogna alla quale abbiamo bisogno di credere.”
(pag. 85)

Ché io LO leggo così e mi piace…

E sono un po’ felice di seguirti con lo sguardo, solo per dirti grazie! 🙂

Diario | Commenti (113)

Smemorare

Sunday, 21 September 2008 - ore 00:21

Altrove, lontano…

E un altro poco ancora smemorare…

arte

Diario | Commenti (88)